Home > Young

Bolzano Festival Bozen per le famiglie: i concerti dell’EUYO

Cari bambini, care famiglie!

Qui di seguito potete trovare alcune informazioni sui concerti ed i musicisti della European Union Youth Orchestra: consigliamo vivamente anche a giovani e bambini in età scolare i concerti che si terranno nelle giornate del 10 e 16 agosto. I biglietti per bambini e ragazzi – come per tutti gli eventi del BFB – costano solo 1 €. Di seguito sono riportate alcune informazioni sui brani eseguiti.

Nota: durante i concerti con l’EUYO è previsto un piccolo programma aggiuntivo per i bambini. Il contenuto esatto (introduzione, visita Backstage o simili) dipende dal numero di adesioni e dall’età dei partecipanti.
In caso di interesse e per eventuali domande, si prega di scrivere a office@busoni-mahler.eu indicando l’età dei bambini partecipanti ed il concerto prenotato!

L’EUYO

La European Union Youth Orchestra è l’orchestra giovanile ufficiale dell’Unione europea. Viene ogni estate a Bolzano per prove e concerti ed è composta solo da musicisti molto giovani, tutti ancora studenti e quasi tutti provenienti dall’Europa. Per poter suonare in questa orchestra, devi fare una sorta di esame e padroneggiare molto bene il tuo strumento. I musicisti hanno tra i 16 ed i 26 anni. Anche quest’anno l’orchestra si esibirà due volte a Bolzano. I membri dell’EUYO sono noti per essere incredibilmente entusiasti della musica che suonano e si divertono molto. Lo scoprirai anche tu quando li vedrai al concerto!

Concerto del 10.08: Musica francese ed un fantastico violinista

Il primo concerto, il 10 agosto, sarà incentrato sulla musica composta a Parigi, in Francia. Anche il solista che ascolterete in questo concerto in due brani con l’orchestra è francese, suona il violino e si chiama Renaud Capuçon.
Ma in questa serata ascolterete anche brani solo per orchestra. Uno di questi brani è la Suite dall’opera Il cavaliere della rosa ed è stato scritto da Richard Strauss. Questa Suite è un arrangiamento per orchestra di un’opera, però senza i cantanti. Chi vuole può ascoltare questo pezzo qui – anche in questo video è suonato da un’orchestra giovanile.

Il primo brano per violino e orchestra è di Camille Saint-Saens. Qui potete ascoltarlo – quali immagini si formano davanti ai vostri occhi quando ascoltate questa musica?

Capuçon suona un altro pezzo, chiamato “Poème”. È una poesia, ed è stato scritto da un compositore francese non molto famoso, Ernest Chausson. In realtà si tratta di un concerto per violino e orchestra, ma poiché è molto espressivo e la forma è completamente libera, viene chiamato “poème”. Qui si può vedere e ascoltare come Capuçon suona questo pezzo:

Concerto del 16.08: Una prima assoluta, uno spettacolo pianistico ed un brano che 100 anni fa ha sconvolto tutti

Nel secondo concerto, l’EUYO mette in scena alcune fantastiche e coinvolgenti opere di diversi compositori. A proposito, i compositori non sono né sempre uomini né sempre morti: il concerto inizia infatti con Nexus, un’opera appena scritta dalla compositrice Hannah Kendall, nata a Londra nel 1984. Qui a Bolzano questo brano viene eseguito per la prima volta in assoluto, il che significa che per la prima volta sarà possibile ascoltarlo pubblicamente in un concerto – non è cosa da tutti i giorni ascoltare una prima assoluta e c’è grande entusiasmo per questa musica completamente nuova. Anche Hannah Kendall verrà allo spettacolo perché naturalmente vuole essere presente quando il suo nuovo pezzo verrà suonato per la prima volta.

A seguire potrete ascoltare un brano per pianoforte e orchestra. Il pianoforte è suonato da Jae Hong Park della Corea del Sud. L’anno scorso qui a Bolzano ha vinto il concorso pianistico Busoni e ora, quasi un anno dopo, suona le cosiddette Variazioni Paganini di un compositore russo di nome Sergej Rachmaninov. Chi ha voglia può vedere qui Jae Hong che l’anno scorso ha suonato con l’orchestra Haydn un altro pezzo sempre di Rachmaninov. È stato così incredibilmente bravo che gli hanno dato il primo premio.

Il concerto termina in modo scatenato con il famoso brano Sacre du Printemps, chiamato anche La Sagra della Primavera, di Igor Stravinsky. In questo simpatico video scoprirete di cosa tratta questo tempestoso brano scritto come musica per un balletto, e perché è stato così sconvolgente nella sua prima esecuzione. Pensate che, all’epoca, tra il pubblico si sono persino picchiati! Oggi queste cose in teatro non succedono più – però dovreste assolutamente venire da noi per un concerto: ne vale la pena!

Consigli per la serata del concerto:

– Riposatevi un po’ prima per non essere troppo stanchi.

– Ascoltate i brani a casa, in tranquillità, con i genitori: di solito la musica diventa più interessante se la riconosci.

– Venite a teatro per tempo, in modo da poter vedere tutto e avere anche il tempo di andare in bagno un’ultima volta.

– Se qualcosa ti piace, puoi e devi assolutamente applaudire al concerto… ma non sempre. La cosa migliore da fare è aspettare che gli altri adulti inizino, così se avete dubbi non sbagliate 😉

….. Puoi anche portare un piccolo binocolo al concerto, così anche se non sei seduto nelle prime file puoi vedere meglio cosa succede sul palco.